Dintorni

 

Foto Dintorni

Link utili

Varigotti a 5 km

Frazione di Finale Ligure, Varigotti si trova a 5 km a est di Finale, lungo la costa. Sede di una fortificazione bizantina, fu distrutta nel 643 dai Longobardi, in seguito subì per molto tempo le incursioni saracene e, nel XII secolo, fu contesa tra le due potenze confinanti, Noli e Finale. Offre bellezze, urbanistiche, architettoniche e naturalistiche, come il borgo dei pescatori, la chiesa di S. Lorenzo, e le incantevoli spiagge sormontate da Punta Crena.

 

Calice Ligure a 6 km

Centro dell'entroterra finalese presenta numerosi monumenti: a Chiesa di S. Niccolò edificata nel XVIII sec. su una preesistente struttura risalente al XIII secolo; l'adiacente Oratorio di S. Carlo della metà del Settecento; la cappella di S. Libera del 1550; la chiesa di S. Lazzaro con un notevole portale rinascimentale.

Calice ospita il Museo d'arte contemporanea della Casa del Console www.comune.calice-ligure.sv.it/la_casa_del_console/la_casa

 

Orco Feglino a 6 km

Nell'entroterra di Finale, risalendo la vallata del torrente Aquila, si giunge all'abitato di Feglino nel fondovalle e, sul crinale, a quello di Orco. Di origini medievali, con la citazione del Castrum Orche del 967, le vicende dei due abitati subirono sorti alterne, contesi tra le potenze confinanti. Notevoli i monumenti di interesse: a Feglino la Chiesa di S. Lorenzo in stile barocco, il santuario di S. Maria Ausiliatrice del 1874; a Orco la chiesa di S. Lorenzino, risalente al XII sec. con l'adiacente campanile eretto nel XIV sec., il Castello di Orco, medievale, di cui restano parti della mura e del torrione.

Da visitare, a Orco, il Parco archeologico di S. Lorenzino e i resti dell'antico oratorio di S. Lorenzino, a pianta unica rettangolare e abside con volta a crociera.

 

Borgio Verezzi a 7 km

Adiacente a Finale verso ponente, si trova Borgio Verezzi, diviso nelle due frazioni Borgio sul mare e Verezzi sull'altura dell'immediato entroterra.  A Borgio sono da visitare le Grotte, dette Valdemino, esempio classico di fenomeno carsico (www.grottediborgio.it ).  A Verezzi si svolge ogni estate il Festival Teatrale di Borgio Verezzi, fondato nel 1967 come iniziativa turistica locale e che, col tempo si è affermato come evento a livello nazionale (www.festivalverezzi.it ).

 

Tovo San Giacomo a 8 km

Il paese è situato in val Maremola, sulla sponda sinistra del torrente omonimo, sulle pendici meridionali del colle dei Folchi a 321 m s.l.m. Dal vecchio mulino "du Piu" si percorre l'antica via del Ferro verso l'entroterra e si può giungere fino alle sorgenti del torrente in località Isorella nel comune di Magliolo. Nella frazione di Bardino nuovo si trova il Museo dell'orologio da torre “Giovanni Battista Bergallo” che ospita meccanismi, lancette, quadranti e cimeli vari relativi gli orologi per campanili e torri realizzati tra il 1860 e il 1980 dalla famiglia Bergallo.

Tra gli eventi: "Val Maremola Trail", running trail di oltre 24 km e "Val Maremola a cavallo", manifestazione dedicata agli amanti dei cavalli che si svolge presso il campo sportivo di Sant'Eligio nella seconda domenica di settembre.

 

Noli a 10 km

L'antica repubblica marinara di Noli ha origini bizantine e poi longobarde, contesa tra le potenze limitrofe Noli divenne un borgo di pescatori. Mantiene tuttavia un fascino particolare per il paesaggio e i monumenti. La chiesa di San Paragonio, in stile romanico con l'abside rivolto verso il mare, risale all'XI secolo su un precedente impianto paleocristiano o alto medievale. Scavi archeologici hanno riportato alla luce una vasca battesimale del VI-VII secolo.

Il Castello di Monte Ursino risale al XII sec, con una cinta muraria a difesa dell'abitato, ma è stato rifatto nel 1552 per migliorare le torri di difesa.

 

Rialto a 11 km

Il paese è situato nell'entroterra di Finale Ligure, nell'alta valle del torrente Pora. Le borgate di mezzacosta sono circondate da una campagna prevalentemente coltivata a uliveto e vigneto. Ospita il Museo della civiltà contadina.

Tra le cime della zona, il Bric Gettina (1.025 m s.l.m.) ove anticamente si aprivano le miniere (ora abbandonate) di galena argentifera: le miniere del Porrino (Purin nel dialetto locale), già sfruttate in epoca medievale per ricavarne argento.

 

Toirano a 14 km

le grotte, uno dei complessi di cavità naturali più importanti d'Italia. Offrono un suggestivo percorso da non perdere (www.toiranogrotte.it).

 

Bergeggi a 16 km

Di fronte all'abitato di Bergeggi in prossimità dell'omonima isola si estende la Riserva naturale regionale di Bergeggi e dal 2007 è stata istituita l'area marina protetta. Sull'isola si trovano i resti di una chiesa paleocristiana del V-VI secolo e di un monastero costruito intorno all'anno Mille.

 

Albenga a 18 km

La città dalle cento torri. Da vedere: la cattedrale di S. Michele Arcangelo; il battistero paleocristiano del V sec.; la chiesa medievale di S. Maria in Fontibus; il Convento di S. Domenico e i chiostri; la basilica di S. Vittore, del IV sec., una delle più antiche in Liguria; il Palazzo Vecchio e il Palazzo Vescovile dell'XI sec.; il Museo navale romano con oltre mille anfore recuperate da una nave del I sec. aC, affondata nelle acque di Albenga; l'anfiteatro del II sec., sulla collina Del Monte; la necropoli; le terme pubbliche di epoca romana.

 

Savona a 23 km

Cosa visitare: la Cattedrale dell'Assunta, con pregevoli opere e un importante coro ligneo; la Cappella Sistina,voluta dal papa Sisto IV della Rovere come monumento sepolcrale della propria famiglia; il Santuario di N. S. della Misericordia, esempio di architettura barocca con un altare di Gian Lorenzo Bernini e tele del Domenichino; l'Oratorio di N.S. Di Castello, con un polittico di Vincenzo Foppa e Ludovico Brea del 1490; l'Oratorio del Cristo Risorto con il coro ligneo del Quattrocento; la chiesa di S. Giovanni Battista del XVI secolo; la Certosa di Loreto della fine del XV sec.; il Palazzo Della Rovere del XV secolo; Villa Cambiaso; la Torre Leon Pancaldo, detta la Torretta, prospiciente al porto; la Torre del Brandale, detta la Campanassa; la Fortezza del Priamar, risalente al 1542.

 

Alassio a 24 km

Rinomata località turistica già nell'Ottocento, conobbe il massimo splendore a metà degli anni '60 del Novecento. Da vedere: la collegiata di Sant'Ambrogio risalente all'XI sec. con il campanile romano-gotico; l'Oratorio di S. Caterina d'Alessandria, risalente al XVI sec. con pregevoli sculture lignee; il Muretto d'Alassio, nato da un'idea di Mario Berrino, decorato con numerose piastrelle irregolari di ceramica riportanti le firme di illustri turisti, da Hemingway, che fu il primo nel '51, a moltissimi personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo, della cultura.

 

Calizzano a 27 km

L'abitato si trova nell'alta val Bormida, al confine tra Liguria e Piemonte, circondato da una vegetazione rigogliosa: la faggeta del Colle del Melogno si estende fino al paese con la Foresta dell Barbottina, dove si trova un grosso faggio di quasi 200 anni, alto 37 m e con un diametro di 3, 5 m; mentre nelle vicinanze del bosco di Rionero si ammira un castagno di 5 m di diametro e 250 anni di vita. Il Santuario di N. S. delle Grazie, in località Frassineto, risale intorno al II sec., vi si possono ammirare un portico romanico affrescato e il campanile quasi inalterato.

 

le Albisole a 30 km

Albisola Superiore, l'antica Alba Docilia romana, risale all'epoca preistorica e fu fondata dal Liguri Docilii, presenta numerosi monumenti da visitare: il Castellaro risalente al 1121; la Villa romana di Alba Docilia del I sec.; il Museo della Ceramica “Manlio Trucco”, che conserva anche reperti archeologici romani; il Museo Giardino Ernan, con le opere dei principali artisti che hanno collaborato con l'azienda come Lucio Fontana ed Emanuele Luzzati; la chiesa di S. Nicolò, del XVII sec., con affreschi del Settecento, il pulpito ligneo barocco e la raccolta archeologica di reperti locali databili dal III al V sec.; la chiesa di S. Pietro, in stile romanico; la chiesa di S. Matteo di Luceto con il presepe meccanico permanente; la chiesa di N.S. Stella Maris con il tabernacolo opera Giacomo Manzù e una statua lignea di Madonna con Bambino del XVII sec.

Albissola Marina, fondata in epoca preistorica dai Liguri Ingauni, acquistò importanza in epoca romana. Da visitare: la chiesa di N.S. della Concordia del XVI sec., conserva una pala d'altare di formelle di ceramica e sculture del XVII sec.; l'Oratorio di S. Giuseppe eretto nel XVII sec.; Villa Faraggiana, del XVIII sec., con lo splendido parco ornato di statue e fontane; il Lungomare degli Artisti, formato di 1 km di mosaici realizzati nel 1963 da artisti locali e stranieri come Aligi Sassu, Lucio Fontana, Wifredo Lam e Asger Jorn.

 

Castelvecchio di Rocca Barbena a 33 km

Delizioso borgo di origine romana, I sec., completamente arroccato su un colle. Da vedere l'intero paese e la sua particolare struttura urbanistica sovrastata dal Castello dei Clavesana risalente all'XI secolo.

 

Cervo a 42 km

Antico borgo arroccato sul promontorio a picco sul mare. Da vedere: la chiesa di S. Giovanni Battista, detta 'dei Corallini' perché fu costruita con i proventi della pesca del corallo, risalente al XVII sec., uno tra i maggiori esempi del barocco ligure; nella piazza antistante a luglio e agosto si svolge il “Festival Internazionale di Musica da Camera” che vede la presenza di artisti provenienti da tutto il mondo.

 

Imperia a 51 km

Da vedere: duomo di S. Maurizio, la più grande chiesa di tutta la Liguria; la chiesa e la casa natale di S. Leonardo da Porto Maurizio, il santuario della Madonna del Carmine; la Villa Grock e il Palazzo Doria.

 

Acquario di Genova a 75 km

L'acquario di Genova è il più grande d'Italia, il secondo in Europa e il nono nel mondo. Situato nel cinquecentesco porto antico, a Ponte Spinola, è stato inaugurato nel 1992 e presenta un percorso di 2 ore e 30 minuti per una superficie totale di quasi 10mila metri quadrati (www.acquariodigenova.it).

 

Sanremo a 82 km

Antica Villa Matutia, fondata in epoca romana lungo la via Julia Augusta su precedenti insediamenti del Paleolitico, è la città dei fiori per antonomasia. Celebre per il Festival della canzone italiana, per il Rally automobilistico, per la grande classica di ciclismo – la Milano-Sanremo – per il Casinò. Da vedere: la Basilica Collegiata Cattedrale di S. Siro, del XII sec.; il santuario della Madonna della Costa, edificato originariamente nel 1361 e poi modificato nel Seicento, conserva una Madonna con Bambino del Trecento; la chiesa di Cristo Salvatore, costruita alla fine dell'Ottocento dalla nobiltà russa, e tutt'ora luogo di culto ortodosso; il Palazzo Borea d'Olmo, abitazione tardo medievale poi ristrutturata nel XVII sec., presenta un importante portale cinquecentesco sormontato da una statua della Madonna, opera del Montorsi, allievo di Michelangelo, è sede del Museo Civico. la Villa Nobel, elegante palazzina Liberty, fu l'ultima residenza di Alfred Nobel, attualmente ospita il Museo sulle scoperte e le invenzioni dell'Ottocento, notevoli anche i giardini; la Villa Ormond, famosa per il parco ricco di piante esotiche, oggi è sede dell'Istituto internazionale di diritto umanitario; il Castello Devachan, in stile Liberty.